• battiferro3.jpg
  • battiferro4.jpg
  • battiferro5.jpg
  • battiferro11.jpg
  • battiferro21.jpg
  • DSC_3298.jpg

mercoledì 28 agosto - ore 21.00

Al Battiferro una serata unica: BOLOGNA ROCK, 40 anni dopo lo Tsunami della creatività. 
Musica video e racconti con Lucio Mazzi Marco Bertoni
Il Battiferro sarà aperto dalle ore 20.00 con possibilità di cenare sul posto (area bar e zona griglie fai-da-te).

Ingresso libero, con prima consumazione richiesta € 7,00

l'evento fa parte di Bologna Estate 2019, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna  e dalla Città metropolitana di Bologna - Destinazione Turistica 

 mercoledì 28 agosto - ore 21.00

BOLOGNA ROCK

40 anni dopo lo Tsunam della creatività

28agobatt pic

 

Il Battiferro sarà aperto dalle ore 20.00 con possibilità di cenare sul posto (area bar e zona griglie fai-da-te).

ingresso libero, con consumazione minima richiesta € 7,00

 

Bambini nel '68 e ragazzi nel '77, una generazione cresciuta nella rivolta che dopo le grandi sommosse di piazza entrò nelle cantine non per riempire le molotov, ma per suonare, cantare, urlare e inventarsi un nuovo mondo.
Nel 1979 quelle cantine facevano saltare i tombini in strada e il loro frastuono, la loro energia li riportò in superficie, per riversarsi nuovamente sulle piazze e nei palasport. Nel 1979 l'onda inarrestabile della creatività crebbe così tanto che anche New York e Londra guardarono Bologna. E Cominciò una nuova stagione favolosa che per qualche anno cambiò tutto e poi...
40 anni dopo riviviamo e raccontiamo quegli anni incredibili e cerchiamo di capire se tutto è finito nell'oblio o qualcosa ancora germoglia per mezzo di musica, video e racconti di Lucio Mazzi e Marco Bertoni

Bologna Rock 2

Il progetto ha come oggetto il periodo musicale compreso tra la seconda metà degli anni ’70 e la prima degli anni ’80. Un periodo cruciale a livello bolognese, italiano e internazionale.
A livello internazionale si assiste a una decisa frattura nel panorama musicale, operata da gruppi e musicisti che proponendo una musica volutamente grezza, dura e dai testi fortemente polemici (il punk) intendevano contrapporsi a una situazione generale dominata da gruppi e musicisti sempre più interessati alla perfezione formale e alla estrema elaborazione della parte musicale a scapito di spontaneità, immediatezza e contenuti (rock progressivo, jazzrock, ecc.)

Skiantos


A livello locale tali istanze vennero recepite immediatamente ed ebbero origine non solo esperienze musicali (gruppi e musicisti) che avrebbero presto assurto a notorietà nazionale (Skiantos, Gaznevada, Confusional Quartet, ecc.), ma anche alla prima etichetta discografica indipendente bolognese (Harpos Bazaar/Italian Rcord).
Con il progredire degli anni ’80 tutto questo fermento creativo fatto di dischi, concerti, happening, ecc. andò rapidamente a dissolversi, con motivazioni che sarà interessante andare a scoprire attraverso la testimonianza di chi quel periodo l’ha vissuto da protagonista.

 punkreas s

 

bologna estate eventi